Scontro tra agricoltori per la gestione del “mercato della paglia”: cinque arresti

Con atti di violenza, estorsioni  e l'utilizzo anche di armi hanno tentato d'impedire ad una famiglia di contadini di continuare nell'attività di commercializzazione della paglia

202

Una vera e propria guerra tra famiglie di agricoltori per la gestione del sempre più remunerativo mercato della paglia si è sviluppata nel Vulture Melfese con atti di violenza, estorsioni  e l’utilizzo anche di armi.
E’ quanto è emerso dalle indagini della Squadra Mobile di Potenza e dalla squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Melfi che ha portato all’arresto di cinque persone.
Si tratta di Daniel Parrini e Antonino Delli Gatti (arresti domiciliari), Francesco Parrini, Lorenzo Delli Gatti (Arresti domiciliari e braccialetto elettronico). Ai domiciliari anche Donato Parrini trovato in possesso di armi e munizioni.

Dalle indagini è emerso che Lorenzo e Antonino Delii Gatti  hanno più volte intimato a Francesco Parrini e ai suoi figli di non proseguire l’attività di raccolta e commercializzazione della paglia sia con minacce che con vere aggressioni. Questo allo scopo di assicurarsi il monopolio del settore.

Il video dell’operazione di Polizia