Con un concerto in ricordo di De Andrè inaugurata a Valsinni “L’Estate di Isabella Morra” 2017

235

E’ iniziata con un concerto in onore di Fabrizio De Andrè proposto dal trio Iole Cerminara (voce), Dino Rigillo (chitarra), Francesco Sforza (pianoforte) componenti dell’associazione “Basilicata Circuito musicale”, la serata inaugurale dell’edizione 2017 dell’estate di Isabella Morra, in corso di svolgimento a Valsinni (Matera).
Un appuntamento culturale giunto alla ventisettesima edizione che – come ha ricordato il Presidente della Pro Loco di Valsinni, Gennaro Olivieri, “è cresciuto negli anni,  nonostante qualche difficioltà, per un incontro con Isabella Morra che ha sempre il suo fascino”.
Da parte dell’amministrazione comunale – l’ha detto il sindaco di Valsinni, Gaetano Celano, presente alla serata inaugurale – la massima collaborazione per far crescere l’evento culturale, patrimonio dell’intera Basilicata ma non solo.

Della poetessa di “Torbido Siri, del mio mal superbo“, uccisa dai suo fratelli che scoprirono l’intrigo amoroso con Diego Sandoval De Castro, nel centro storico, sorto intorno al castello nel quale ella visse, si sente la presenza grazie alla sapiente coreografia degli organizzatori ma soprattutto ai tanti momenti culturali dei quali è ricca anche questa edizione.
Novità assoluta lo spettacolo di teatro e musica “Benedetto Croce: diario di un pellegrinaggio”, testi di Gennaro Olivieri con musiche dei “Menestrelli senza…RE”, con Erminio Truncellito che ne è anche il regista. Si propone ogni mercoledì e domenica.

Negli altri giorni altre iniziative, con la possibilità dei turisti di visitare il centro storico con i suoi angoli suggestivi e gustare i prodotti enogastronomici tipici del territorio.
“Anche questo è il nostro scopo – afferma il presidente della Pro Loco, Gennaro Olivieri – perchè il nostro territorio è ricco anche di questo. Non solo di storie, cultura, bellezze naturali”.

Ad allietare la serata inaugurale i “Menestrelli senza…RE” che hanno proposto antichi canti, contribuendo a rendere più suggestiva l’atmosfera.