Sgomberata scuola via Cappelluti a Matera per verifiche tecniche

L'ordinanza del Sindaco dopo la caduta di calcinacci in alcune aule

91

Il Sindaco di Matera ha emesso un’ordinanza di sgombero delle quattro aule del primo piano e di un’aula del piano terra del plesso scolastico di via Cappelluti interessate nei giorni scorsi dalla caduta di calcinacci dovuto presumibilmente a infiltrazioni di acqua dal tetto (VEDI).
L’immobile è utilizzato al primo piano da alcune classi del Liceo delle scienze umane “T. Stigliani”, mentre al piano terra svolgono le lezioni cinque classi della scuola secondaria di primo grado “Cappelluti”.

L’ordinanza dispone anche la sospensione cautelativa dell’attività didattica, fino al giovedì 8 novembre 2018, nell’edificio scolastico interessato e in quello gemello che ospita la scuola primaria, pur in assenza, in quest’ultimo caso, di segni evidenti di degrado dei solai.

La decisione è stata presa in via precauzionale per poter permettere una serie di test approfonditi, meccanici e strumentali, sullo stato di conservazione degli immobili e per garantire la massima sicurezza per il prosieguo dello svolgimento delle lezioni. L’esito dei rilievi tecnici sarà comunicato tempestivamente ai dirigenti scolastici e alle famiglie degli studenti.

“Il provvedimento si è reso necessario – sottolinea il vice sindaco, Giuseppe Tragni – visti i risultati delle verifiche effettuate dai nostri tecnici negli ultimi due giorni, nelle aule del primo piano del plesso scolastico destinate a sede provvisoria di alcune classi del Liceo delle scienze umane.
I controlli hanno accertato la presenza di localizzati segni di degrado dovuti ad infiltrazioni di acqua piovana che hanno determinato lo “sfondellamento” dei blocchetti di laterizi e di una piccola porzione di un solaio con distacco e conseguente caduta della parte inferiore delle pignatte e dell’intonaco”.

“Gli uffici tecnici – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Nicola Trombetta – hanno operato e stanno operando per garantire che tutti i controlli siano effettuati in modo rigoroso e nei tempi compatibili con le esigenze del calendario scolastico.

Abbiamo preferito estendere le attività di rilievo anche al plesso occupato dalla scuola primaria, pur in assenza di segnali specifici di degrado, perché si tratta di un immobile gemello che presenta le stesse caratteristiche strutturali di quello in cui si è verificata la caduta di calcinacci”.

“La sospensione cautelativa dell’attività didattica nella scuola primaria, è stata decisa – evidenzia l’assessore alla Scuola, Marilena Antonicelli – per dare serenità alle famiglie degli studenti e per garantire la massima sicurezza nell’utilizzo futuro degli edifici scolastici interessati. Al termine dei controlli, il Comune prenderà le decisioni conseguenti a tutela dell’interesse primario degli alunni, delle famiglie e delle istituzioni scolastiche”.