Domani a Ripacandida con l’Unicef in marcia per la cultura.

L'iniziativa s'inserisce nel programma 'Basilicata in Marcia per la Cultura' sottoscritto il maggio scorso da oltre 40 partners, con la Regione Basilicata, dal Presidente Nazionale dell'UNICEF, Giacomo Guerrera e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 

149

Sfileranno con lo stemma del proprio Comune i 131 alunni che domani a Ripacandida (nella foto di copertina) parteciperanno alla Marcia della Cultura voluta dall’Unicef di Basilicata.

L’iniziativa s’inserisce nel programma ‘Basilicata in Marcia per la Cultura’ sottoscritto il maggio scorso da oltre 40 partners, con la Regione Basilicata, dal Presidente Nazionale dell’UNICEF, Giacomo Guerrera e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019  leadpartners, vede sempre più protagonisti i Giovani e le Scuole, con un evento che si terrà il prossimo 4 ottobre, festività di San Francesco, a Ripacandida nel Santuario di San Donato gemellato con il Sacro Convento d’Assisi.

Santuario di San Donato a Ripacandida

 

“Siamo all’inizio dell’anno scolastico 2018/19 – afferma Angela Granata Presidente Unicef e leadpartner dell’Accordo – che vedrà Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e che offrirà un’occasione unica non solo per la città dei Sassi, Patrimonio UNESCO, ma per tutta la Basilicata, specialmente, se riusciremo a riconoscere alla scuola l’importanza che merita,  con il suo ruolo essenziale, come luogo di formazione umana e culturale.
L’azione congiunta tra i vari partners dell’Accordo, coordinata da Tomangelo Cappelli della regione Basilicata, sta fornendo buoni risultati. Prova tangibile è la Circolare che la Direzione Scolastica Regionale ha inviato a tutte le scuole di ogni ordine e grado della regione per promuovere l’attuazione delle Azioni dell’Accordo di programma ‘Basilicata in marcia per la Cultura’.
L’Unicef ha creduto sin dal primo momento nei Laboratori Emozionali proposti, pertanto – prosegue la Presidente Granata – mi sento in dovere di lanciare un appello ai Dirigenti Scolastici, le cui enormi responsabilità conosco bene, tanto quanto la loro passione per l’Educazione e la Formazione dei giovani, per aver lavorato nel mondo della scuola per tanti anni, affinché si prodighino nel sostenere l’immediata attivazione dei Laboratori Emozionali che, per il loro carattere trasversale, si presentano come un modello didattico di base per  le giovani generazioni della nostra regione, educandole al rispetto delle Persone e dell’Ambiente, alla tutela dei Diritti dei Minori, all’Arte di Vivere, promuovendo il benessere e il bene comune per affrontare l’esistenza nel modo migliore, con determinazione e serenità e con stili di vita più sani e corretti.
Auspico – conclude la presidente Granata –  che gli allievi dei 131 comuni lucani, sostenuti da Dirigenti e Insegnanti, si impegnino per emozionarci con gli Itinerari Emozionali che realizzeranno per far conoscere e valorizzare tutti i Tesori che impreziosiscono i comuni Lucani”.