Bolognetti: Petrocelli, Liuzzi, Rospi si dimettano

Ai parlamentari del M5S Bolognetti contesta che, mentre lui portava avanti battaglie su questioni ambientali, loro sono stati completamente assenti anche nelle sedi istituzionali

743

“Visto che in queste ore è di moda avanzare richieste di dimissioni, io vorrei pregare gentilmente Petrocelli, Liuzzi, Rospi e tutto quel ceto dirigente pentastellato lucano, che ha taciuto quando nel giugno 2015 denunciavo una possibile perdita di idrocarburi dal Centro Olio Val d’Agri, di ritirarsi a vita privata”.
E’ quanto si legge in una nota di Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani.
“Nel 2014- continua Bolognetti – mentre continuavo a presentare denunce sulle attività di coltivazione idrocarburi, il senatore Petrocelli andava in gita al Cova e in quel di Tecnoparco e nulla diceva, stando a quanto riportato dalle cronache dell’epoca, sull’inquinamento delle matrici ambientali in Val d’Agri e nella Valle del Sauro.
Questo per non dire della inconsistente ed eterea presenza pentastellata in seno alla Bicamerale sul ciclo dei rifiuti, che come è noto ha poteri inquirenti.
Sì, lor signori dovrebbero davvero dimettersi o quanto meno smetterla di praticare in Basilicata come a Taranto e come in tutta la penisola la politica del doppio binario, quella delle cose dette in piazza per raccattare voti e quella delle cose fatte o, verrebbe da dire, non fatte.
Di prese di posizione partitocratiche a 5stelle ne abbiamo davvero piene le scatole.
Proprio vero: l’Italia è il paese dei gattopardi e dei gattopardismi e gli amici pentastellati ce ne forniscono un esempio 2.0.

Bolognetti affronta anche la questione Pittella.
Pittella vi è simpatico, vi è antipatico, avete condiviso la sua politica, l’avete avversata, lo avete votato o magari non lo votereste mai? Va tutto bene, ma – afferma – non è questo il punto.
Quando discutiamo degli arresti del Presidente della Giunta regionale, la riflessione deve attenersi al merito.
La domanda che tutti dovremmo porci quando parliamo della vicenda Pittella è una e una soltanto: due mesi di carcerazione preventiva, sia pure ai domiciliari, non sono una roba che sa di regime?
Per oltre 30 anni, al fianco di Marco Pannella, ho denunciato e raccontato l’Italia de “La Peste” (quella del topolino di Camus), dell’antidemocrazia montante e anche delle clientele e dei clienti.
Da 30 anni racconto i fatti e i misfatti della mia Basilicata e in tre libri, senza peli sulla lingua, ho denunciato i veleni industriali e politici di una terra che amo e che mi sta a cuore”.