Agente di Polizia penitenziaria aggredito da detenuti nel carcere di Potenza

L'episodio viene denunciato dal Carmine De Grazia, segretario provinciale della Uilpa Polizia Penitenziaria di Potenza

1161

Nuova aggressione ad agenti di polizia penitenziaria. Si è verificata nel pomeriggio di ieri nel carcere di Potenza. Vittima un assistente. Ad aggredirlo per futili motivi due detenuti italiani.

L’episodio viene denunciato dal Carmine De Grazia, segretario provinciale della Uilpa Polizia Penitenziaria di Potenza.

L’aggressione è avvenuta mentre nel carcere di Potenza si trovava il nuovo Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, al quale De Grazia si rivolge affinchè si risolvano i problemi che perdurano da anni e che costringono gli agenti di polizia penitenziaria a lavorare in maniera disumana a rischio della propria incolumità.

Dopo quest’ennesima aggressione, il segretario generale del S.PP. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Aldo Di Giacomo sollecita il Ministro dell’Interno Salvini ad estendere la sperimentazione dell’uso della pistola elettrica anche in alcune carceri dove maggiormente si registrano casi di aggressione ad agenti.

“Non è più possibile reagire a mani nude di fronte alle continue aggressioni, rivolte, tentativi di fuga, liti tra clan e gruppi etnici stranieri, tanto più – afferma Di Giacomo – che sono sempre più numerosi gli episodi di tentativi di introduzione in carcere di oggetti contundenti se non proprio di armi improprie”.