Alternanza Scuola Lavoro, importante riconoscimento per una studentessa del “Pasolini”

480

Un riconoscimento di grande valore che testimonia il proficuo lavoro svolto nell’ambito del progetto triennale di Alternanza Scuola Lavoro dal titolo “Adolescenti competenti: sulla strada della ricerca, della socialità e dell’imprenditorialità” al termine della prima annualità. La studentessa di Laurenzana, Alisia Taddei, della classe terza (III A) del Liceo Scientifico “Pier Paolo Pasolini” (sezione staccata di Laurenzana) si è classifica al secondo posto del premio letterario nazionale “A scuola di libertà: le scuole imparano a conoscere il carcere”.

Con il testo “La casa”, Alisia Taddei «ha saputo esprimere in un testo con rara sensibilità narrativa, ma anche di efficace impatto, il percorso svolto durante l’anno scolastico 2017-2018, mostrando sintonia empatica con le vicende conosciute e ferma determinazione di volgere in orizzonte positivo le esperienze, individuando vie di riconciliazione e di futuro possibile» commenta così la giornalista e presidente C.N.V.G. Ornella Favero che ha premiato la studentessa lucana insieme  allo scrittore Andrea Carraro, autore di molti libri tra cui “Il Branco” e ” Sacrificio”.

Alla cerimonia di premiazione, avvenuta nella storica cornice di Palazzo Valenti a Roma (Aula Consiliare “Fregosi”) erano presenti la studentessa premiata Alisia Taddei, il Tutor A.S.L (Alternanza Scuola Lavoro) del Liceo Pasolini prof. ssa Maria Rosaria Sabina, la referente locale di progetto, Vincenza Ruggiero ed il presidente della C.R.V.G. e dell’AICS di Basilicata, Francesco Cafarelli.

«E’ il giusto riconoscimento di un percorso di Alternanza Lavoro che ci ha tenuti impegnati per tanti mesi – spiega la prof.ssa Tutor del Progetto Maria Rosaria Sabina – sono davvero felice per Alisia che sono sicura molto presto capirà l’importanza di aver conseguito questo secondo premio a livello nazionale, così come l’importanza dei riconoscimenti di tutta la sua classe, della comunità educante, del Dirigente scolastico prof. Giovanni Latrofa. Con la sensibilità che le appartiene saprà guardare con attenzione e cognizione ad un cambiamento che partirà anche dalle sue scelte».

«Il testo – ha spiegato invece Francesco Cafarelli dell´Aics di Basilicata – è nato dalle attività del laboratorio di scrittura creativa realizzato all´interno della Casa circondariale di Potenza e inserito nel progetto nazionale dell´Aics “Adolescenze competenti”, che ha coinvolto, in Basilicata, il Liceo Pasolini di Laurenzana, l´ I. S. Agrario Fortunato di Potenza e l´Ipsia Da Vinci di Matera».

La consegna dei premi ai primi tre studenti classificati è avvenuta nel corso dei lavori della XI Assemblea nazionale dal titolo “70 volte 7” della CNV Giustizia, che ha affrontato nelle sette sessioni temi quali la giustizia riparativa, il ruolo dei Garanti dei detenuti, la recidiva e l´inserimento lavorativo, la Giustizia minorile, i fronti di impegno dei volontari della giustizia e la riforma dell’ordinamento penitenziario.