Nuovo attentato incendiario a Scanzano Ionico: in fiamme l’Apofruit

In fiamme i contenitori in plastica depositati davanti allo stabilimento.

1002

Torna la paura a Scanzano Ionico dopo l’ennesimo attentato incendiario ai danni di imprenditori locali.
Si è verificato nella serata di ieri nello stabilimento dell’Apofruit di Scanzano Ionico, la maggiore azienda ortofrutticola della zona.
L’incendio, preceduto da un forte boato, ha distrutto parte dei contenitori di plastica depositati davanti allo stabilimento. (Foto di copertina di Piazza Lucana)
Le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco.
Non si esclude la natura dolosa. In questa direzione sono orientate le indagini di polizia e carabinieri.

Solidarietà e vicinanza agli imprenditori agricoli associati all’Aprofuit di Scanzano Jonico, impresa cooperativa specializzata nella produzione di prodotti ortofrutticoli italiani di qualità, sono espressi dalla Cia-Agricoltori di Matera a seguito dell’incendio che nella nottata di ieri ha interessato il recinto dello stabilimento che opera nel Metapontino. In attesa che le indagini degli organi di Polizia e della magistratura confermino la natura dell’incendio che, secondo le prime notizie, sarebbe di natura dolosa, la Cia si dice preoccupata per quanto è accaduto. L’impegno della confederazione – è scritto nella nota – è rivolto ad affermare le condizioni di legalità e serenità degli operatori agricoli attraverso il rafforzamento di ogni strumento di sorveglianza e prevenzione di atti criminali che, purtroppo, in quest’area della Basilicata, nel corso degli anni si sono ripetuti a danno degli imprenditori agricoli. Come già accaduto per episodi analoghi, le sedi della Cia del Metapontino sono attivate a svolgere compiti di assistenza agli agricoltori.

Il segretario generale della Fai Cisl Basilicata, Vincenzo Cavallo, oggi a Roma per l’esecutivo nazionale del sindacato, stigmatizza l’intimidazione subita la scorsa notte dalla cooperativa Apofruit e invita tutta la società civile lucana a “fare quadrato contro la criminalità e a difesa della cultura della legalità”.
“Se dovesse essere confermata, come sembra, la pista dell’atto doloso – commenta il sindacalista della Fai Cisl – sarebbe l’ennesimo grave episodio di un inquietante escalation criminale e il segnale della necessità di alzare ulteriormente le difese con le infiltrazioni della malavita. La Fai Cisl esprime solidarietà ai soci e ai lavoratori della cooperativa Apofruit e ne apprezza lo spirito di volontà e di abnegazione che hanno reso possibile il rapido ritorno alla normalità e la ripresa delle attività. Ora gli inquirenti facciano tutto quanto in proprio potere per individuare e assicurare alla giustizia i responsabili di questo vile gesto”.

Legacoop esprime la più ferma e dura condanna del vile atto intimidatorio ai danni della cooperativa Apofruit, vittima nel corso della serata del 9 aprile di un’esplosione dolosa che ha interessato il piazzale retrostante al magazzino di contrada Parisi, a Scanzano Jonico, e che ha mandato in fumo i cassoni di plastica utilizzati per raccogliere e trasportare la frutta.
“Siamo al fianco del consigliere delegato Nicola Serio, dei soci e dei lavoratori della cooperativa, ai quali va tutta la nostra vicinanza e la nostra solidarietà”, dichiara Paolo Laguardia, presidente di Legacoop Basilicata.
“Apofruit rappresenta da sempre un presidio di occupazione e legalità in un territorio difficile. Questo grave episodio non intaccherà i valori di chi porta avanti il proprio lavoro con onestà e dedizione e che, anzi, continuerà a farlo con maggiore forza e determinazione”. Tant’è che la cooperativa ha da subito recuperato la piena operatività. “Adesso è opportuno alzare il livello di attenzione – continua – per respingere con forza i tentativi criminali di minare la tranquillità di chi opera nel rispetto delle regole”. Legacoop esprime fiducia nell’operato delle Forze dell’ordine e della magistratura perché i colpevoli vengano individuati e assicurati alla giustizia. “Occorre attivare tutte le procedure a difesa delle imprese che operano nel metapontino, per tutelare i cittadini onesti e restituire loro la fiducia nel proprio territorio”, conclude Laguardia. “Legacoop, a livello regionale e nazionale, metterà in campo le iniziative necessarie a tutelare le cooperative, i soci e i cittadini tutti”.