Braia: sono 10.000 i cinghiali abbattuti nel 2017

627

“Doverosa una precisazione supportata dai dati ufficiali. Innanzitutto la caccia e le attività di controllo sono cosa ben diversa dalla caccia di selezione, e non andrebbero confuse. Inoltre, sono circa 10.000 i cinghiali complessivamente abbattuti in attività venatoria e di controllo, in Basilicata nell’anno 2017. Peraltro, il dato di circa 9400 abbattimenti era stato fornito nei giorni scorsi. Non possono certamente essere diminuiti a 2500 i cinghiali abbattuti, come erroneamente riportato dal comunicato della Coldiretti e da UGL”.

Lo rende noto l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.

“La comunicazione ufficiale dei numeri dell’attività venatoria 2017 è stata fornita ufficialmente questa mattina dai 5 AATTCC regionali, nel corso di un incontro convocato per definire le modalità operative di applicazione del Piano di abbattimento selettivo e controllo – aggiunge Braia – Probabilmente non è stato correttamente interpretato il dato fornito da questoDipartimento relativamente all’approvazione del “Piano di abbattimento selettivo e controllo della specie cinghiale 2018-2020”, che ha già avuto parere favorevole da Ispra e del ”Disciplinare per la caccia di selezione”, con la previsione per il 2018. In dettaglio, e per amore di precisione, i 10000 cinghiali abbattuti  in attività venatoria nell’anno 2017 sono così ripartiti: circa 9160, contro i 7801 capi del 2016. Nel 2017, inoltre, in attività di selecontrollo sono stati abbattuti 782 cinghiali, nei 600 siti di prelievo posizionati sul territorio a caccia programmata. Un dato emblematico rispetto ai 150 del 2016, pari ad un aumento di oltre il 502% in attività di controllo. Abbiamo ora reso possibile, oltre ai 3 mesi del Calendario Venatorio 2018, l’applicazione di tutte le metodologie consentite dalla norma e creato le condizioni per abbattere i cinghiali tutto l’anno. Negli altri nove mesi sarà possibile abbattere i cinghiali, infatti, con attività di controllo e caccia di selezione, sia nelle aree vocate che in quelle non vocate, con appostamento e girata: di conseguenza abbiamo autorizzato e previsto il prelievo di 2.500 capi nel periodo marzo-dicembre 2018 e di almeno 4500 nel triennio 2018-2020″. 

“Al termine dell’incontro gli AATTCC hanno definito di concludere l’iter per la realizzazione delle attività operative previste dal piano, per cui saremo pronti a partire sia in attività ordinaria che straordinaria – conclude l’assessore – L’incontro previsto mercoledì con le Associazioni di Categoria sarà anche occasione per fornire tutti gli ulteriori dettagli e le azioni messe in campo, previste da norma nazionale e regionale”.