“Questa non è la mia città”. Don Marcello Cozzi risponde al sindaco De Luca

3825

Continuano le prese di posizione dopo l’ordinanza del sindaco di Potenza Dario De Luca che vieta ogni forma di accattonaggio.
Sulla questione interviene don Marcello Cozzi, presidente del Cestrim.

“La mia città accoglie, non respinge, spalanca le braccia non incatena le mani. Apre non chiude. Costruisce giardini non alza muri. Contrasta gli sfruttatori non gli sfruttati”.

Così scrive don Marcello Cozzi il quale entra nel problema sostenendo che “la mia città chiede da dove vengono i poveri, si indigna per le umiliazioni che hanno subito, monta di rabbia per le guerre che li hanno messi in fuga, urla contro il sistema che li scarta, chiede conto a chi ne fa un affare e a chi specula sulle loro fatiche, scende in piazza per un lavoro che manca a tutti.

La mia città – prosegue don Marcello – tutela il diritto alla sicurezza senza mortificare il diritto alla sopravvivenza.

La mia città dialoga, entra nei problemi, risale alle origini del disagio, mette al primo posto la persona, ogni persona. Non prova fastidio per le mani tese ma per le mani in tasca.

Privilegia la dignità al decoro.

Non crea guerre fra poveri e non dichiara guerra ai poveri ma alla povertà.

La mia città proclama illegale la miseria non le sue vittime. Rimuove i problemi non le persone. Sanziona le cause non I suoi effetti.

Questa, dunque, non è la mia città”.