I Sassi di Matera ospiteranno “Dreamland” per vivere un sogno negli antichi rioni

407

 

“Questa manifestazione può rappresentare un tassello importante nella concezione di produzione culturale su cui questa amministrazione si è concentrata da sempre. Il concetto ispiratore di questa iniziativa, punta su valorizzazione e sostenibilità dei luoghi oltre all’importanza di un patrimonio come quello della memoria collettiva”.
Lo ha sottolineato oggi l’assessore Enzo Acito nel corso della presentazione di “Dreamland – sogno di una notte nei Sassi di Matera” in programma il 26 agosto a partire dalle ore 23 da piazzetta Pascoli. Il programma, per scelta degli organizzatori Paolo Irene e Francesco Cascino non è stato illustrato analiticamente, perché la filosofia ispiratrice della manifestazione è legata alla partecipazione attiva,  all’improvvisazione ma anche al recupero di figure centrali nella storia dei Sassi, come i contadini.

“Gli artisti – ha aggiunto provocatoriamente Paolo Irene – lasceranno i Sassi, al termine dell’iniziativa, volando”.
Gli ha fatto eco Francesco Cascino che ha aggiunto: “Sarà una notte dedicata ai bambini  ma anche agli adulti che vogliono tornare piccoli”. Si sa, per  certo che l’esibizione di Cesare Dell’Anna con la sua banda composta da 30 elementi sarà accompagnata anche da quella di due esponenti della Polifonica di Albania che canteranno proprio nell’area dei quartieri albanesi nel Sasso Caveoso. Prevista anche una performance dell’artista visivo Filippo Riniolo. Il gruppo dei performer si muoverà su un carro simile a quello che trasportava i contadini nel passato.

L’iniziativa coinvolgerà, come ha spiegato lo stesso Paolo Irene anche artisti locali che hanno riposto alla call cittadina effettuata in precedenza dagli organizzatori.

Particolare attenzione sarà riservata alla sostenibilità dell’iniziative nel corso del quale verranno utilizzati lumi biodegradabili, volontari che raccoglieranno i rifiuti e strumenti che producono decibel molto elevati.

Un momento della conferenza stampa di presentazione dell’evento.

Illustrando la filosofia ispiratrice del progetto, Cascino ha aggiunto: “Abbiamo concentrato l’intera iniziativa sulla partecipazione attiva e non sulla celebrazione degli artisti, come accade forse troppo spesso. L’omaggio ai contadini e alle loro feste di fine raccolto si svolgerà in termini giocosi ecco perché anche la nostra comunicazione visiva si è mossa su questi temi. L’ironia d’altronde è un codice identitario degli italiani. Vorremmo che anche i materani che hanno vissuto lì e che oggi si trovano in altri quartieri, vengano a vedere quanto ha generato la loro fatica”.

Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019 ha aggiunto: “Il lavoro che stanno svolgendo Paolo Irene e Francesco Cascino che hanno chiesto la nostra adesione, è molto importante. Crediamo da sempre nel fatto che i Sassi non sono un luogo che va reso fruibile solo ai turisti, ma anche un rione nel quale abitare aumentando le attività produttive, di ricerca, di fruizione artistica, scientifica e tecnologica.  Condividiamo perciò lo spirito della manifestazione del 26 agosto. Il nostro è un appoggio ideologico e intellettuale, insieme all’interesse per la qualità delle azioni e al coinvolgimento del pubblico. Va salutata l’attività sempre più ampia della città, sia sotto il profilo degli spazi che degli operatori, L’effervescenza va vissuta in maniera positiva” ha concluso