Valsinni: serata inaugurale de “L’Estate di Isabella”

558

Il borgo intorno al castello di Isabella Morra questa sera si anima: s’inaugura la 27esima edizione de “L’estate di Isabella Morra”, un appuntamento culturale che richiama ogni anno migliaia di visitatori.

Ricco il programma che Comune e Pro Loco propongono per far vivere nuove suggestioni:

Con inizio alle ore 19,00:

VISITA AL CASTELLO FEUDALE ED ALLA MOSTRA “L’ARTE MILITARE NELLA FAVALE DEL ‘500”

Armature, Armi e Macchine d’Assedio del XVI secolo

VIVI IL BORGO

suoni,colori e sapori della Favale del ‘500

“CIBO E COMUNITA’ DELLA VALLE DEL SINNI”

a cura dell’Ass. S.E.I. Sul Sinni(Sostenibilità Etica ed Integrazione) Arca della biodiversità della Valle del Sinni, mostra permanente della “Pera Signora” – Presidio Slow Food e delle Tipicità e Tradizioni del Territorio.

CENACOLI SOTTO “LE STELLE”

allietati da giullari e menestrelli

SPETTACOLI  

IL BORGO RACCONTA… per le vie del Centro Storico con menestrelli e cantastorie
di Ninì Truccellito e Mimmo Rago

(lunedì,  martedì, giovedì e sabato – ore 20,30)

BENEDETTO CROCE: DIARIO DI UN PELLEGRINAGGIO
di Gennaro Olivieri
spettacolo di teatro-musica con musiche dei “Menestrelli senza…RE” con Erminio Truncellito, regia di Erminio Truncellito

(mercoledì e domenica – ore 20,30)

La compagnia teatrale “IL GAFIO” presenta: L’AVARO
riduzione e libero rifacimento di Ninì Truncellito, regia FabioTruncellito

(venerdì – ore 20,30)

“Il nostro scopo, come Pro Loco e Parco Letterario, d’intesa con il Comune, è quello di valorizzare le bellezze culturali, enogatronomiche dei nostri luoghi” ci dice al telefono Gennaro Olivieri, Presidente della Pro Loco di Valsinni.
“Quest’anno proponiamo uno spettacolo nuovo dedicato a Benedetto Croce, che dopo la sua visita a Valsinni nel ’28, scrisse “Mi sono recato a Valsinni per il desiderio di vedere di persona i muti testimoni di quei fatti di sangue”.

“E noi – conclude Olivieri – vogliamo invitare anche quest’anno a venire a Valsinni per calarsi nei luoghi che raccontano la storia di Isabella Morra con le sue suggestioni in quello scenario irripetibile che è il borgo sorto intorno al castello”.