Nuovi arresti a Matera nell’operazione antidroga della Polizia

Tre persone, delle quali due già indagate, sono state arrestate perchè trovate in possesso di droga.

1506

Nuovi sviluppi nell’operazione “Rosso di sera” coordinata dalla DDA di Potenza e condotta dalle Squadre Mobili di Potenza e Matera, in seguito alla quale è stata sgominata un’associazione dedita allo spaccio di droga in Basilicata e Puglia, droga che proveniva dal Marocco (vedi articolo).

Durante alcune perquisizione domiciliare effettuate a carico dell’indagato Erasmo Belmonte, detto “Mimmo”, sono stati rinvenuti e sequestrati diversi quantitativi di sostanza stupefacente ed, in particolare, 36 grammi di cocaina, 465 grammi di marijuana e 100 grammi di hashish nonché 5 piante di marijuana.
Sequestrati anche alcuni strumenti utilizzati per il confezionamento e lo spaccio delle droghe nonché una consistente somma di denaro contante superiore a 4.000,00 Euro.
Mimmo Belmonte, che inizialmente era stato destinatario solo di obbligo di firma, è stato arrestato.


Le perquisizioni domiciliari effettuate dalla Squadra Mobile di  state estese anche ad una donna materana, di 35 anni, che – sebbene non risulti formalmente indagata nell’operazione “Rosso di Sera” – era sospettata dagli inquirenti di essere complice di Mimmo Belmonte. Nell’appartamento e nel garage in uso alla donna la Polizia di Stato ha rinvenuto 715 grammi di cocaina, 900 grammi di marijuana e 130 grammi di hashish, pronta ad essere immessa sul mercato delle sostanze stupefacenti.
A seguito di ciò anche la donna è stata arrestata, essendo risultata la persona detentrice della più ingente quantità di droga sequestrata.

Infine, sempre durante le perquisizioni domiciliari effettuate a margine dell’Operazione “Rosso di Sera”, la Polizia di Stato ha tratto in arresto anche il sorvegliato speciale Giuseppe Martulli, 42 anni, di Matera, non indagato nell’operazione antidroga. Nella sua abitazione è stato trovata della sostanza stupefacente del tipo cocaina nonché un bilancino ed altro materiale per il confezionamento delle droghe.
L’uomo, peraltro, è risultato contravventore agli obblighi derivanti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale, essendosi allontanato da casa prima dell’orario previsto.