Sversavano acqua inquinata direttamente nello Jonio. Sequestro all’Itrec di Rotondella

Nell'acqua riscontrate sostanze non radioattive ma fortemente inquinanti utilizzate per  il trattamento ( cosiddetto riprocessamento) delle barre di uranio/torio collocate nel sito ITREC.

1356

Un provvedimento cautelare d’urgenza disposto dalla Procura dellsa Repubblica di Potenza quello del sequestro, effettuato dai carabinieri del Noe, delle vasche di raccolta delle  acque  di falda e della relativa condotta  di scarico  a mare dell’impianto “ITREC” (Impianto di Trattamento  e Rifabbricazione Elementi Combustibili Nucleari) di Rotondella, gestito da “SOGIN spa, e dell’adiacente impianto “ex MAGNOX” in area ENEA.
Un provvedimento per evitare che si potesse continuare a sversare direttamente in mare, come avvenuto nel passato, acqua contenente sostanze non radioattive ma fortemente inquinanti utilizzate per  il trattamento ( cosiddetto riprocessamento) delle barre di uranio/torio collocate nel sito ITREC. Ciò avrebbe potuto creare ulteriori problemi alla salute e all’ambiente.
Nell’acqua come nelle falde sottostanti l’impianto sono state infatti riscontrati Cromo VI e Tricloroetilene, sostanze pericolose e cancerogene.
Per la presenza di queste sostanze altamente inquinanti l’acqua doveva essere trattata prima di essere immessa in mare. Invece così non è stato. Lo sversamento è avvenuto direttamente attraverso una condotta che collega l’impianto e s’inoltra nello Jonio fino a qualche chilometro dalla riva.
I reati contestati dai magistrati sono inquinamento ambientale, falsità ideologica, smaltimento illecito di rifiuti e traffico illecito di rifiuti per i quali cinque persone, a vario titolo, sono indagate. Al momento non è dato sapere i nomi. Si tratterebbe dei referenti dei procedimenti di controllo e smaltimento delle acque.

Il seguestro preventivo adottato dalla Procura non bloccherà in alcun modo le attività di decommissionamento del sito nucleare, che, pertanto, potranno e dovranno normalmente proseguire “ma – si legge in un comunicato a firma del Procuratore Francesco Curdo – “obbligherà i responsabili dei siti,sotto la diretta vigilanza di guesto Ufficio, ad adottare le indispensabili misure a tutela dell’ambiente e della salute pubblica che fino ad oggi non erano state prese“.

Dal 2015 si sapeva dell’inquinamento delle falde 
Da dire che già il 4 giugno 2015  la Sogin aveva comunicato con una nota inviata alle autorità competenti “la potenziale contaminazione delle acque sotterranee rilevata nel sito”.
Successive analisi dell’Arpab confermarono la presenza di cromo e tricloroetilene in misura superiore alla norma.

Raggiunto per telefono, il sindaco di Rotondella, Vito Agresti, ha confermato che in un incontro avuto nel pomeriggio con i dirigenti dell’impianto, gli è stato confermato che “le sostanze riscontrate nell’acqua non sono assolutamente radioattive, sebbene inquinanti”.