Voucher “a fondo perduto” per le imprese che acquisiscano cultura e strumenti digitali

Plafond complessivo di circa 150.000 euro su due misure: una per raggruppamenti di imprese, l’altra per singole aziende

272

E’ stato presentato questa mattina, nell’ambito del convegno sulle trasformazioni digitali organizzato dalla Camera di Commercio di Potenza e T3 Innovation il “Bando voucher digitali I4.0 – Anno 2018” dell’Ente camerale, che prevede l’erogazione di voucher a fondo perduto per le imprese che acquisiscano cultura e strumenti digitali.

La misura, realizzata per promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale e realizzata nell’ambito del “Punto Impresa Digitale” (PID), in attuazione della strategia definita nel Piano nazionale Impresa 4.0, prevede un plafond complessivo di circa 150.000 euro suddiviso su due linee: la prima è rivolta ad aggregazioni di imprese e prevede voucher con importi fino a 1450 euro ad azienda, con plafond di 29.000 euro. La seconda ha un massimale di 3100 euro ad azienda e un plafond di oltre 119.000 euro.

Il bando, che è stato illustrato dal vice segretario generale dell’Ente camerale, Caterina Famularo, è online con la relativa modulistica sul sito www.pz.camcom.it, le domande scadono il 30 aprile.

«Questa azione ha un’attenzione particolare rivolta alle micro, piccole e medie imprese che devono colmare un gap esistente per vincere la sfida della competitività, che passa dalla tecnologia ma anche da una nuova consapevolezza digitale», ha sottolineato il presidente della Cciaa potentina, Michele Somma, aprendo i lavori. La necessità di fare rete sul territorio per supportare le imprese sulla via della digitalizzazione trova un primo risultato reale nel protocollo di intesa sottoscritto con T3 Innovation, il cui obiettivo – ha spiegato il responsabile della struttura, Pierluigi Argoneto – è rafforzare e sviluppare l’ecosistema regionale dell’innovazione attraverso l’offerta di servizi di consulenza strategica e gestionale. Cciaa e T3 realizzeranno un ciclo di workshop tematici sui temi dell’internazionalizzazione, dell’innovazione e dell’apertura del sistema produttivo locale, per formare e informare gli imprenditori rispetto alla trasformazione in atto.