Pasquetta in Basilicata: tra Sassi, neve e paesaggi mozzafiato

La Basilicata, con le sue attrazioni paesaggistiche e culturali, si conferma meta gradita nel week end di Pasqua e Pasquetta

571

La Basilicata conferma il suo trend turistico anche nel week end di Pasqua e Pasquetta. Nel lunedì dell’angelo le presenze a Matera, Capitale Europea della Cultura per il 2019, risultano essere vicine alle 50.000.

Grazie anche ad una giornata soleggiata e gradevole, in tantissimi hanno raggiunto la Città dei Sassi, specialmente dalle regioni limitrofe. La maggior parte dei turisti è stata di provenienza pugliese ma si è registrato anche una significativa presenza di turisti stranieri.

Questa massiccia presenza ha causato qualche disagio: si sono registrate, infatti, numerose code sulla statale 7 e vi sono state alcune polemiche a causa dell’assenza di navette e della inaccessibilità del ponte tibetano. Nonostante questi piccoli disagi, l’attenzione per le bellezze paesaggistiche e la curiosità per i luoghi dove sono stati girati i grandi kolossal ha prevalso.

É la neve, la protagonista inaspettata di questa pasquetta. La Montagna Grande di Viggiano, ben innevata, ha registrato moltissime presenze di sciatori ed appassionati che hanno potuto trascorrere una soleggiata pasquetta nel cuore del Parco Appennino Lucano che, tutto bianco, ha regalato una immagine da ricordare.

 

Dopo le mareggiate dei giorni scorsi, non era semplice pronosticare delle presenze anche nella “Perla del Tirreno”. Maratea però, grazie ad un sole meraviglioso ed alla riapertura della S.S. 18 Tirrenia Inferiore, ha avuto la solita cospicua presenza di turisti ed amanti del mare.

Il livello di prenotazioni di strutture alberghiere e ricettive ha raggiunto l’80%, consentendo ai tanti turisti di godere di uno dei paesaggi più suggestivi della Basilicata.