Polese su deposito scorie in Basilicata: “Indisponibilità totale”

Respingiamo qualsiasi altra ipotesi in cui la Basilicata debba farsi carico, oltre al petrolio, anche delle tematiche legate al nucleare

489

“Il Partito democratico della Basilicata fa proprie le dichiarazioni del presidente della Giunta regionale lucana, Marcello Pittella, rispetto al decreto per la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee al deposito nucleare di superficie, che dovrebbe essere pubblicato la prossima settimana così come annunciato dal ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda (LEGGI). Con piena convinzione, e non senza un sentimento di orgoglio per la nettezza espressa, il Pd condivide in pieno le parole del presidente Pittella e ribadisce l’irremovibilità dell’indisponibilità della Basilicata a un eventuale deposito di scorie in territorio lucano”.

E’ quanto sostiene il segretario del Partito Democratico di Basilicata, Mario Polese.

“Siamo consapevoli – aggiunge Polese – che non c’è nulla di ufficiale e che la lista dei potenziali siti ritenuti idonei per aspetti tecnici è ben lontana da essere un punto di arrivo nella scelta del deposito unico delle scorie nucleari in Italia perché non è vincolante; la decisione spetterà a chi governerà il Paese nei prossimi mesi.  Tuttavia sono ancora vivi nella memoria dei lucani lo spettro e l’angoscia suscitati dalla scelta del governo Berlusconi nel 2013 di individuare in Scanzano il luogo ideale dove deporre tutte le scorie. La Basilicata allora si unì in un unico no contro quell’azione. E siamo pronti, qualora la ferità dovesse essere riaperta dopo 15 anni, a combattere con le armi della politica e della mobilitazione popolare per scongiurare quello che sarebbe un colpo tremendo per l’intera comunità lucana. La nostra Regione, in termini di responsabilità nazionale, fa già tanto nel campo delle estrazioni petrolifere. Siamo la Regione che offre il maggior contributo in termini di autosufficienza energetica. Un tema che non va sottaciuto e non va dimenticato”.

“Per questo – conclude il segretario – respingiamo qualsiasi altra ipotesi in cui la Basilicata debba farsi carico anche delle tematiche legate al nucleare. In caso contrario, e lo diciamo con la massima chiarezza, siamo pronti come ha già dichiarato il governatore Pittella a scendere in campo per dare vita a una seconda Scanzano”.