Non sarà sospesa la raccolta sangue da parte dell’Avis

258

Scongiurato, almeno per il momento, il rischio della sospensione delle attività di raccolta sangue da parte dell’Avis Basilicata.
Un gruppo di medici e infermieri del comprensorio di Lagonegro,  preso atto della disponibilità dell’assessore regionale alle Politiche Sociali, Flavia Franconi,  ad incontrare l’associazione il prossimo 22 marzo a Potenza,  ha fatto sapere di aver sospeso “lo stato di agitazione”.
Medici e infermieri, confidando in un esito positivo della vertenza legata  ai tardivi rimborsi da parte della Regione Basilicata, dichiarano di essere  disposti a ripristinare regolarmente il servizio.
La decisione molto è stata molto apprezzata dall’Avis regionale, perchè dimostra “sensibilità e senso di responsabilità, nei confronti dei tanti volontari e donatori, ma soprattutto nei confronti degli ammalati, quelli a cui – si sostiene in una nota dell’associazione – maggiormente dobbiamo rispondere del nostro operato”.