Autismo. Focus a Potenza sulle strategie abilitative ed educative per gestire la malattia

1497

Una due giorni ricca di spunti per i numerosi partecipanti al focus organizzato a Potenza su “Interventi psicoeducativi per persone con disturbi neurosviluppo”. Affrontato  in particolare il tema dell’autismo, avvalendosi della presenza di un luminare del settore, il prof.Luciano Moderato, psicologo, psicoterapeuta, docente all’Università Cattolica di Milano.
Il prof. Moderato che è anche direttore dei Servizi Innovativi per l’Autismo della Fondazione Istituto Sacra Famiglia e direttor scientifico dell’Associazione “Autismo e Societa’” ha offerto con il suo intervento l’opportunità di un confronto professionale a quanti, hanno partecipato all’incontro.


Una platea vasta perchè tale sono coloro i quali a vari livelli, vengono chiamati quotidianamente a dare il proprio supporto, che non sia esclusivamente assistenziale, a quanti sono affetti da questa patologia.
Ai partecipanti il focus ha fornito informazioni sulle strategie da adottare sia dal punto di vista abilitative che educative.
Lo si potrà fare – è stato detto – partendo dalle capacità residue di chi soffre di questa patologia per facilitarne lo sviluppo.

I disturbi autistici – lo ricordiamo – sono disturbi del neurosviluppo che impattano principalmente sulle interazioni sociali e possono comprendere diversi problemi comportamentali, tra cui anomalie nella comunicazione, comportamenti compulsivi, iperattività, ansietà, difficoltà ad adattarsi ai cambiamenti, disturbi sensoriali e, in molti casi, disabilità intellettiva. I sintomi possono essere molto eterogenei e, soprattutto in età precoce, molto sfumati. Per questo è spesso difficile ottenere una diagnosi prima dei 2-3 anni d’età.
Una malattia, l’autismo, della quale non s’impara mai abbastanza come ci conferma in questa intervista il prof. Moderato.

Il focus, che ha consentito di approfondire più aspetti della malattia e soprattutto di meglio conoscere gli strumenti terapeutici che abbiamo a disposizione,  è stato organizzato dall’Angsa (Associazione nazionale Soggetti Autistici), Stella Maris Mditerraneo, Associazione Sclerosi Tuberosa, Nasce un Sorriso, Blobus, Genitori, Nonno Carmine.