Operato con successo un raro caso di tumore del simpatico cervicale

941

E’ stato operato con successo nell’Ospedale di Villa d’Agri un raro caso di tumore del simpatico cervicale dello spazio parafaringeo.

A rimuovere lo schwannoma, un tumore benigno dei nervi periferici, l’equipe di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Oncologica Maxillo-Facciale, diretta dal dottor Marco Manola e composta dai medici Cesare Marte, Antonella Ferrara e Vincenzo Fortino.

La paziente, una 72enne del Lagonegrese da circa 3 anni presentava in regione tonsillare destra una voluminosa formazione (oltre 5 centimetri di diametro) che, occupando spazio, causava un’evidente dislocazione tonsillare e difficoltà di deglutizione.

A sinistra prima dell’intervento, a destra dopo l’intervento

“L’Angio-Tac e l’esame citologico effettuati a Villa d’Agri – spiega il dottor Manola – ha confermato la diagnosi istologica di schwannoma dello spazio parafaringeo, evidente nella Risonanza Magnetica con cui la paziente è arrivata in ospedale. L’intervento chirurgico è stato realizzato con una cervicotomia attraverso la mandibola. Il tumore è stato completamente asportato salvaguardando tutti i nervi cranici. La paziente nel decorso post operatorio non ha evidenziato alcun deficit dei nervi cranici né del simpatico cervicale”.

“I tumori primitivi dello spazio parafaringeo – precisa il direttore sanitario di Villa d’Agri, Bruno Masino – rappresentano lo 0.5 % delle neoplasie cervico-facciali, e costituiscono una sfida per il chirurgo, sia per le difficoltà di definirne lo stadio prima dell’operazione, sia la scelta del corretto approccio in uno spazio difficilmente aggredibile perché attraversato da numerose strutture anatomiche. I più frequenti tumori benigni sono gli adenomi pleomorfi provenienti dal polo profondo della parotide seguiti dagli schwannomi del vago, meno frequentemente si possono trovare i schwannomi del simpatico cervicale. Dal punto di vista sintomatologico presentano scarsi segni: talora una massa cervicale, ma più spesso unicamente una tumefazione del palato molle che medializza la regione tonsillare. L’intervento è stato eseguito grazie alla collaborazione degli anestesisti guidati da Nicola Scaccuto, e all’assistenza offerta dal personale infermieristico dei reparti di Terapia Intensiva e Chirurgia e della sala operatoria”.