E’ lucano lo chef che ha superato nomi del calibro di Cannavacciuolo, Cracco, Bottura e Barbieri

3277

Con i 25.714 voti del popolo del web, il presidente della Federazione italiana cuochi (Fic), il lucano Rocco Pozzulo, è stato eletto “Personaggio dell’anno dell’enogastronomia e dell’accoglienza”.

Il sondaggio è stato lanciato, on line, nei giorni scorsi da “Italia a Tavola”, quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità. Pozzulo, al quale va il merito di aver ridato vita alla Fic, che conta oggi 16 mila iscritti, ha superato di oltre mille voti il giudice Masterchef e conduttore di Cucine da Incubi, Antonino Cannavacciuolo, volto noto al pubblico del grande schermo. Sul gradino più basso del podio si è piazzato, a sorpresa, Massimo Bottura (20.699 preferenze), l’apprezzato cuoco dell’“Osteria Francescana”. Chiudono il giudice di Masterchef Bruno Barbieri (12.574) e l’arci-noto Carlo Cracco (11.735).
“Più che una mia conquista, è stata questa la vittoria di tutti i membri della Federazione Italiana cuochi che mi hanno votato e che si riconoscono parte integrante e ben rappresentata da questa associazione”, ha commentato Rocco Pozzulo, per anni alla guida dell’Unione regionale cuochi lucani. “La chiave di questo successo è da ricercarsi nella squadra che siamo riusciti a creare con i nostri tantissimi iscritti.  Un grazie alla Basilicata, ma anche alle tante regioni italiane che mi hanno votato e ai tanti che hanno scelto me anche dall’estero”. “È chiaro anche che non posso non essere felice per questo risultato che mi ha visto superare volti e nomi noti della cucina italiana, come Cannavacciuolo, Cracco e Bottura”, ha concluso Pozzuolo. La premiazione è in programma il prossimo 7 aprile a Bergamo.