La Basilicata protagonista a Lione per “L’Italia in cucina”

1080

Sarà la Basilicata protagonista, lunedì 29 gennaio, a Lione, in Francia, dell’appuntamento “L’Italia in cucina”. L’iniziativa, promossa dalla Camera di Commercio Italiana di Lione, in collaborazione con la Federazione Italiana Cuochi (Fic), con il Ministero degli Affari Esteri, gli Istituti Italiani di Cultura e le Regioni Italiane, propone un ciclo di venti incontri mensili, uno per ogni regione del Belpaese, dedicati alle eccellenze del cibo “made in Italy, dai peperoni cruschi  alla  fiorentina, dal pesto alla genovese alle arancine siciliane alle paste fresche dell’Emilia Romagna. Lo scopo è quello di avvicinare i francesi alle materie prime di qualità ed alla semplicità della cucina italiana guidati dalla competenza degli chef della Fic.

Lunedì sarà la volta della Basilicata che, dapprima, nel pomeriggio, dopo l’apertura dei lavori da parte del presidente nazionale della Fic, Rocco Pozzulo (nella foto di copertina), sarà protagonista di una masterclass con lo chef Vito Amato, segretario dell’Unione Regionale Cuochi Lucani, che incontrerà cuochi, distributori, foodblogger e giornalisti francesi per raccontare la storia e le qualità dei prodotti lucani a marchio Dop, Igp, Stg e Ig.

Chef Vito Amato

A seguire, nel corso di una cena riservatissima nel ristorante lionese la “Cuisine d’Emile”, lo chef lucano porterà in tavola un menù con piatti a base di prodotti del territorio tra i quali strascinati lucani con peperoni cruschi di Senise e pecorino di Filiano, suino nero con funghi cardoncelli, fragole di varietà Candonga, il tutto condito con l’ottimo olio extra vergine d’oliva Vulture dop. Non mancherà il dolce preparato con il pistacchio di Stigliano e la purea di pera Signora.