Acqua inquinata ad Irsina. Aql rassicura: parametri nella norma

268

E’ ancora sospesa l’erogazione di acqua per uso potabile ad Irsina nonostante le verifiche fatte da Acquedotto Lucano escludano la presenza di trialometani superiore alla normativa vigente.
A segnalarne la presenza era stata l’Arpab con una nota, in seguito alla quale Acquedotto Lucano ha subito programmato una serie di verifiche, in quanto le analisi precedentemente effettuate non avevano evidenziato nessun superamento dei valori.

Tutti i controlli igienico sanitari eseguiti da Acquedotto Lucano sull’acqua distribuita ad Irsina, come si diceva, hanno dato esito conforme alla normativa vigente, cioè non è stata riscontrata alcuna presenza di trialometani in eccedenza.
Per maggiore sicurezza e per ottenere un dato analitico di confronto, – come si precisa in una nota – Acquedotto Lucano ha inviato un campione di acqua ad un laboratorio esterno accreditato che ha confermato l’esito: tutti i valori sono risultati nei limiti consentiti.
Nonostante le analisi eseguite garantiscano il non superamento dei parametri nell’acqua di Irsina, Acquedotto Lucano per preservare la qualità del servizio, ieri ha provveduto ad una serie di lavaggi delle vasche di accumulo del serbatoio e oggi in mattinata procederà ad ulteriori campionamenti congiunti con l’Asm.
Intanto la distribuzione di acqua potabile a tutto l’abitato è garantita attraverso autobotti e sacche da 5 litri.