Trombe d’aria estate 2017: Braia propone declaratoria per i 35 Comuni colpiti

336

“Sono 35 i comuni interessati in tutta la regione dalle trombe d’aria verificatesi nei giorni 14 luglio e 29 agosto 2017 nelle Province di Matera e di Potenza per i quali proponiamo al Mipaaf la declaratoria di eccezionalità dell’evento calamitoso.”

Lo comunica l’assessore alle Politiche agricole e forestali della Regione Basilicata, Luca Braia.

“Le aree di interesse agricolo maggiormente colpite – prosegue l’Assessore – sono quelle dei Comuni di Lavello, Montemilone, Irsina, Palazzo San Gervasio e Grottole, dove si sono registrati i danni maggiori soprattutto a carico delle strutture produttive divelte e spazzate via dal vento forte (frutteti, tetti, tettoie, impianti irrigui, serre mobili ecc.) oltre ai danni provocati dalla pioggia accompagnata da grandine e nubifragi, tali da impedire il regolare svolgimento dell’attività aziendale e relativa compromissione economica. Immediatamente abbiamo reso disponibile il modello per inviare la stima dei danni. A seguito delle segnalazioni pervenute da numerosi imprenditori agricoli e da alcuni sindaci dei comuni interessati in merito ai danni provocati e degli accertamenti e dei sopralluoghi effettuati dai tecnici degli uffici dipartimentali per delimitare le aree colpite dall’evento calamitoso, la Giunta regionale ha deliberato di proporre al Ministero Politiche agricole agroalimentari e forestali la declaratoria di eccezionalità.

Per la provincia di Potenza, ammontano a oltre 24 milioni di euro i danni stimati alle colture ed alle produzioni cerealicole, leguminose, alle ortive in pieno campo e protette, alle arboree frutticole ed alle produzioni zootecniche; mentre, per la provincia di Matera,  ammontano a circa 18 milioni di euro. Oltre 8,2 milioni di euro, invece, la stima dei danni alle strutture aziendali per la provincia di Potenza, mentre per la Provincia di Matera sono stati stimati circa 5,8 milioni di euro.

Per le aree delimitate dalla delibera di Giunta – conclude Braia – si propone al Mipaaf il riconoscimento del carattere di eccezionalità, individuando le provvidenze concedibili che terranno conto delle assegnazioni ministeriali”.

I comuni interessati per la provincia di Potenza sono: Acerenza, Banzi, Forenza, Gallicchio, Genzano di Lucania, Lavello, Maschito, Melfi, Montemilone, Oppido Lucano, Palazzo S. Gervasio, Rionero in Vulture, Rivello, Rotonda, Satriano, Tolve, Trecchina, Venosa.

Per la provincia di Matera: Aliano, Bernalda, Calciano, Ferrandina, Garaguso, Grassano, Grottole, Irsina, Matera, Miglionico, Montalbano Jonico, Montescaglioso, Pomarico, Scanzano Jonico, Stigliano, Tricarico, Tursi.