Educazione alla legalità, riparte il prgetto per gli studenti del “Pasolini”

450

Per il terzo anno consecutivo, il Liceo Scientifico “Pier Paolo Pasolini” di Potenza ha aderito con grande soddisfazione ed interesse al progetto che vede protagonisti i legali della Camera Penale distrettuale di Basilicata che, in una serie di incontri, parleranno agli studenti.

Gli incontri messi in calendario sono rivolti agli studenti di Potenza e del Plesso di Laurenzana e saranno 8 in tutto. Il via libera è sabato 28 ottobre con il primo incontro a partire dalle ore 9.00 nell’Aula Magna dell’Istituto di via Anzio. L’ultimo appuntamento si svolgerà in data 19 maggio 2018. Lo scorso anno gli incontri, coordinati dal legale avv. Shara Zolla, si sono conclusi con l’interessantissima esperienza che ha visto i ragazzi del Liceo entrare nel Palazzo di Giustizia di Potenza ed assistere ad una serie di udienze processuali.

«Siamo felici di aderire per il terzo anno consecutivo al progetto con l’Unione Camere Penali – sono le parole del dirigente Scolastico del Liceo “Pasolini”, prof. Giovanni Latrofa  – si tratta di un progetto finalizzato alla diffusione all’interno delle strutture scolastiche della cultura della legalità e della convivenza civile. Il progetto è nato grazie ad un protocollo di intesa tra la stessa Unione delle Camere Penali Italiane e il Miur e per quanto ci riguarda è rivolto alle quinte classe dell’Istituto di Potenza e di Laurenzana».

Per il “Pasolini” la referente del progetto è la prof.ssa Antonietta Comodo. «Gli incontri con gli avvocati delle Camere penali hanno un alto valore formativo – spiega la prof.ssa Comodo – in quanto sensibilizzano i giovani, con modalità nuove e interattive e con un linguaggio chiaro e accessibile, sui temi della legalità e del giusto processo e sull’importante funzione che il difensore svolge nell’esercizio del suo mandato. Servono inoltre a sfatare  molti luoghi comuni riguardo alla figura dell’avvocato difensore e a rendere i ragazzi consapevoli del forte condizionamento che i processi mediatici producono  su giudici e opinione pubblica». Il primo appuntamento è per sabato 28 ottobre.