Al San Carlo di Potenza intervento di cistectomia totale con robot

412

Continua il percorso verso l’eccellenza in chirurgia robotica all’ospedale San Carlo di Potenza. Eseguito dall’equipe di Urologia, diretta dal facente funzione Vincenzo Lorusso, un complesso e innovativo intervento di cistectomia radicale robotica per un tumore infiltrante della vescica in una donna lucana di 56 anni.

L’intervento è stato eseguito da Roberto Falabella, per la prima volta in Basilicata e tra i primi in assoluto in Italia.

La cistectomia radicale, in particolar modo nella donna con l’asportazione di vescica, utero, annessi e parete vaginale anteriore, linfonodi rappresenta l’intervento più complesso e demolitivo in Urologia. L’averlo eseguito con tecnica robotica ha permesso di garantire una completa radicalità oncologica con un approccio mininvasivo.

La paziente non ha incisioni cutanee perche tutto è stato eseguito mediante 6 fori cutanei, Questo ha ridotto di molto i tempi di ripresa della paziente, dimessa in ottime condizioni 5 giorni dopo l’intervento invece dei 15-20 come previsto nel caso fosse stata operata con la procedura chirurgica normale. Tra l’altro, non sono state eseguite trasfusioni di sangue e il dolore postoperatorio è stato pressochè azzerato.

Il notevole successo della procedura non sarebbe stato possibile senza la collaborazione dell’equipe anestesiologica, nella persona di Concettina Lambiase, dell’aiuto in sala operatoria e in reparto dei colleghi urologi, Saveriano Lioi, Francesco Abate, Franco Camillo Ponti, AngelaVita, del personale infermieristico della sala operatoria e del reparto.

“Ci sono sempre gli uomini – commenta il direttore generale Rocco Maglietta – dietro le tecnologie più avanzate. E il successo clinico in medicina è sempre frutto di una robusta sinergia tra i due fattori.
Lo conferma il complesso intervento effettuato con il robot dall’equipe di urologia che pochi centri in Italia hanno già effettuato.
Ma nel nostro ospedale – prosegue Maglietta – non è il primo. Negli ultimi mesi altri interventi complessi ed importanti sono stati effettuati con l’uso del robot in altri dipartimenti: neurochirurgia, cardiochirurgia, ginecologia.
Questo – conclude il Direttore Generale del San Carlo – rafforza  la vocazione del nostro ospedale all’eccellenza, a cui ci chiama la riforma in atto del sistema sanitario regionale”.