Sempre più difficoltosi i rapporti con l’Agenzia delle Entrate. Mollica: s’intervenga

239

“L’Agenzia delle entrate ha l’obiettivo di garantire ed agevolare gli adempimenti fiscali, semplificando i rapporti con gli utenti e non di complicarli”.
E’ quanto scrive il presidente del Consiglio regionale Francesco Mollica in una lettera indirizzata al direttore dell’Agenzia delle entrate di Potenza.

Mollica denuncia in particolare l’oggettiva difficoltà che un cittadino comune deve fronteggiare per il ritiro di comunicazioni che arrivano dalla stessa agenzia.
“C’era una volta il postino che conosceva le strade del Comune dove lavorava come le sue tasche e spesso anche le persone alle quali recapitava la corrispondenza. Ritardi e disservizi – afferma Mollica – erano presenti anche allora, ma era decisamente un’altra realtà sotto molti punti di vista. Oggi, invece, pur non volendo entrare nel merito delle motivazioni che hanno fatto propendere per l’esclusione dal servizio di Poste italiane, è evidente che c’è un distinguo tra Comuni più fortunati nell’avere il presidio dell’agenzia che sostituisce le Poste e dove poter ritirare la corrispondenza ed altri invece che ne sono privi facendo pagare così i disagi ai cittadini, a volte per la maggior parte anziani e costretti ad affrontare disagi di non poco conto”.

“Una simile scelta crea oggettive difficoltà  – continua Mollica – a chi, destinatario di una comunicazione tributaria – esattoriale, deve recarsi, nei termini intimati, in Comuni spesso distanti da quello di residenza. In questo caso,  l’Agenzia si  avvale dei servizi postali di un’azienda  privata, che non avendo  sedi in tutti i Comuni del territorio regionale non risulta facilmente raggiungibile dai cittadini che hanno non poche difficoltà ad interagire con l’Agenzia stessa”.

Francesco Mollica, presidente Consiglio Regionale

Da Venosa, lo stesso Mollica si è ritrovato a raggiungere Melfi per il ritiro di una lettera, con non poche difficoltà per individuare il luogo dov’è ubicato lo sportello e solo lì ricevere l’informazione, che poteva, a parere dello stesso presidente – essere scritta sull’avviso di giacenza, di potersi avvalere di un servizio di mail box.
Secondo Mollica “risulta obiettivamente incomprensibile come un’Agenzia pubblica con funzioni fortemente incidenti sulla sfera individuale dei cittadini contribuenti, scelga deliberatamente di complicare la comunicazione – interazione con gli utenti”.
Per questo il presidente del Consiglio regionale invita il direttore dell’Agenzia delle entrate di Potenza “a prendere atto di una simile circostanza e valutare così soluzioni.”