Un gioco che butta giù le barriere architettoniche

869

“Attraverso un gioco creare un momento di condivisione tra diversamente abili e normodotati”. Sono le parole di Ivana Grillo, presidente del Leo Club di Potenza, all’inaugurazione del gioco per disabili donato alla città dall’associazione giovanile. La cerimonia si è svolta lunedì 24 luglio a Potenza, al Parco Mondo. Insieme ai ragazzi del club e ad alcune personalità dei Lions, da cui i Leo provengono, erano presenti il sindaco Dario De Luca, l’assessore Donatella Cutro ed il presidente del consiglio regionale, Francesco Mollica.

L’inaugurazione del gioco non è che l’ultimo step di un percorso di sensibilizzazione verso l’abbattimento delle barriere architettoniche che ha accompagnato i ragazzi del club per tutto l’anno distrettuale. Il 30 dicembre, infatti, i Leo hanno organizzato un concerto di beneficenza al Teatro Stabile di Potenza, dal titolo “Note di solidarietà”, il cui ricavato è stato utilizzato proprio per acquistare il gioco inaugurato oggi.

L’iniziativa è stata accolta con entusiasmo dall’amministrazione comunale del capoluogo lucano. La città di Potenza non è, purtroppo, priva di barriere architettoniche ed è per questo che, spiega l’assessore Donatella Cutro, “la giunta comunale, da dicembre a marzo, ha lavorato insieme a varie associazioni di categoria del mondo disabile a costruire un regolamento per l’istituzione di un comitato, che vada a validare qualsiasi progetto anche dal punto di vista del superamento delle barriere architettoniche e percettive”.

“Ci arriva dal Leo Club di Potenza un segnale importante, un segnale lanciato direttamente alle istituzioni verso la sensibilizzazione”, ha affermato il presidente Francesco Mollica, il quale, al termine della breve cerimonia, ha anche ricordato il lavoro e il coinvolgimento della Regione nell’ottica di un abbattimento delle barriere architettoniche.