Inquinate le acque del torrente a valle della discarica Aia dei Monaci di Tito, vietato l’utilizzo

46

A seguito di un superamento dei valori di soglia di manganese e nichel confermato dai prelievi effettuati dall’Arpab, il sindaco di Tito, Graziano Scavone, ha vietato con apposita ordinanza il prelievo e l’utilizzo delle acque del corso d’acqua immediatamente a valle della discarica Aia dei Monaci (nella foto di Melandro News). Il campionamento, effettuato dall’Azienda Regionale per la Protezione Ambientale, rientra nel piano di caratterizzazione dell’area che, su esplicita richiesta del Comune di Tito e dell’Azienda sanitaria locale di Potenza, era stato esteso anche a punti esterni al sito e ai corsi d’acqua limitrofi.
Proprio in uno dei due punti monitorati del corso d’acqua in questione, che non alimenta la rete idrica cittadina, è stato rilevata la presenza oltre i valori stabiliti dalla norma dei due metalli pesanti, mentre nel secondo punto, più a valle, i parametri rientrano nella soglia.

discarica aia de monaci

Ulteriori indagini ambientali e opportune verifiche tecniche ne stabiliranno le cause. Il Comune di Tito convocherà infatti in brevissimo tempo una conferenza di servizi con gli enti interessati per avviare tutte le procedure necessarie, per valutare ulteriori misure di messa in sicurezza dell’area, per aggiornare inoltre il piano di caratterizzazione della discarica ed eventualmente estenderlo ulteriormente.
Verranno infine chiesti alla Regione Basilicata aggiornamenti in merito alla richiesta presentata dal Comune di Tito di anticipazione delle risorse per eseguire il piano di caratterizzazione in sostituzione e in danno al responsabile dell’inquinamento, attingendo a un apposito fondo regionale che risulta attualmente privo di copertura finanziaria.

Caratterizzazione geofisica dell'area della discarica
Caratterizzazione geofisica dell’area della discarica

“Sin dal suo insediamento, la nostra amministrazione sta seguendo con incessante determinazione le tematiche ambientali”, sottolinea il sindaco di Tito, Graziano Scavone. “Nel caso della ex discarica di Aia de’ Monaci, definitivamente chiusa da ottobre 2014, abbiamo avviato le procedure previste dal Decreto Legislativo 152/2006 sostituendoci in danno al soggetto responsabile dell’inquinamento.
Trattasi di procedure complesse ed onerose a conclusione delle quali – continua il sindaco – avremo finalmente una mappatura chiara e inequivocabile della situazione ambientale intorno al sito, che mostra evidenti segnali di criticità, aggravate evidentemente dal mancato ripristino ambientale”. “Auspichiamo quindi – conclude Scavone – che la Regione Basilicata, sollecitata più volte in tale senso, in fase di approvazione del bilancio dia copertura finanziaria alle nostre richieste consentendoci di avanzare nel procedimento di bonifica e ripristino ambientale del sito”.